CURCUMA LONGA, un grande alleato

con Nessun commento

La Curcuma si ricava dal rizoma, ossia dalla parte sotterranea del fusto della Curcuma Longa, una pianta della famiglia delle Zinziberacee, parente stretta dello Zenzero. Ha colore dorato, gusto amaro-pungente e riscaldante ed è ricchissimo di Curcumina.

Usata da sempre nella Medicina Ayurwedica e nella Medicina Tradizionale Cinese, da molti anni ormai (più di 35) è diventata protagonista di un grandissimo numero di studi anche in occidente che ne hanno svelato e rivelato una infinità di possibili applicazioni terapeutiche, la maggior parte delle quali dimostrate scientificamente in vitro e in vivo.

Quali sono i principali effetti che possiamo aspettarci dall’assunzione della Curcumina?

Innanzi tutto va detto che i principi attivi che la Curcumina rappresenta, sono alcune centinaia di composti di cui solo una parte sono noti: le sono state attribuite oltre 300 attività metaboliche!
Per questo è importante la qualità della Curcuma che si utilizza, in quanto è il Fitocomplesso che determina i risultati, non una singola molecola.

In sintesi la Curcumina ha spiccate proprietà contrastanti l’infiammazione cronica, in quanto previene la formazione dei radicali liberi e neutralizza quelli già esistenti.
Promuove la perdita di peso riducendo l’incidenza delle patologie correlate all’obesità (diabete, ipertensione, disturbi cardiaci)
E’ efficace nel trattamento e nella prevenzione delle problematiche correlate allo Stress cronico, con effetti neuroprotettivi e antidepressivi.

Agisce molto efficacemente contro il dolore-gonfiore-impotenza funzionale legati alle patologie cronico degenerative dell’apparato osteo-articolare.

Ha sicuri effetti chemiopreventivi, ossia contrasta i meccanismi che portano all’insorgenza delle malattie oncologiche e protegge dagli effetti collaterali della chemioterapia, laddove necessaria, ottimizzandone i risultati.

La Curcumina ha però un unico difetto: una bassissima biodisponibilità, ossia il nostro sistema di assimilazione la assorbe in piccolissime quantità.
E qui interviene un’altra spezia nota da millenni: il Piper Nigrum, ossia il Pepe Nero che, tramite la Piperina, suo principio attivo, è in grado di aumentare del 2000% (!!!) l’assorbimento della Curcumina!
Ed ecco quindi che risulta indispensabile associare Piperina e Curcumina (nella proporzione di 1 a 100) per ottenere quanto la Curcuma promette!

Lascia una risposta

Questo sito fa uso di cookies, facendo click su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Ti invitiamo a leggere questa pagina per maggiori informazioni e per conoscere la Policy Privacy adottata: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi